Istituto Comprensivo "Via Fabiola" > Documenti > Avvisi > Indicazioni sui Lavoratori Fragili
Ultima modifica: 17 settembre 2020

Indicazioni sui Lavoratori Fragili

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE
UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO
ISTITUTO COMPRENSIVO “VIA FABIOLA”
Sede Legale- Via Fabiola, 15 –00152 Roma – tel. – fax 58209244 DISTRETTO 24° C.M. RMIC8FV00P CODICE FISCALE 97712840582
RMIC8FV00P@istruzione.it – RMIC8FV00P@pec.istruzione.it www.icviafabiola.gov.it

Circolare del 16/09/2020 prot. n. 2105/VII.7

A TUTTO IL PERSONALE
AL SITO
SEDE

OGGETTO: Informativa al personale sulla gestione dei lavoratori cd. “fragili”

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

VISTO l’art. 83 del Decreto-Legge 19 maggio 2020, n. 34 recante “Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19” (cd. Decreto Rilancio)
VISTO il Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro, aggiornato il 24/04/2020
VISTO il Documento tecnico dell’INAIL sulla possibile rimodulazione delle misure di contenimento del contagio da SARS-CoV-2 nei luoghi di lavoro e strategie di prevenzione
VISTA la circolare 29 aprile 2020 del Ministero della Salute recante “Indicazioni operative relative alle attività del medico competente nel contesto delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus SARS-CoV-2 negli ambienti di lavoro e nella collettività”
VISTA la circolare n. 13 del 4 settembre 2020 del Ministero della Salute e del Ministero del Lavoro avente ad oggetto “Circolare del Ministero della salute del 29 aprile 2020 recante “Indicazioni operative relative alle attività del medico competente nel contesto

delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus SARS-Co V -2 negli ambienti di lavoro e nella collettività”. Aggiornamenti e chiarimenti, con particolare riguardo ai lavoratori e alle lavoratrici “fragili”
CONSIDERATO che ad oggi mancano nuove indicazioni legislative circa la proroga delle misure cautelative per il personale cd. fragile, decretato dall’art. 74 del Decreto Rilancio fino al 31 luglio 2020
IN ATTESA di nuove indicazioni ministeriali sulla gestione del personale fragile nelle scuole
PRESO ATTO di tutte le misure di prevenzione e contenimento del rischio COVID nell’ambiente di lavoro, messe in atto dal Dirigente scolastico, in accordo con l’RSPP e il Medico Competente
PRESE in considerazione le procedure necessarie per l’abbattimento del rischio e i DPI che garantiscano a tutti i lavoratori un rientro a scuola in sicurezza

RAPPRESENTA QUANTO SEGUE

Sono da considerarsi lavoratori fragili coloro che hanno patologie preesistenti che potrebbero determinare, in caso di infezione, un esito più grave o infausto (a solo titolo esemplificativo, malattie cardiovascolari, respiratorie e metaboliche). Il concetto di fragilità può comunque evolversi sulla base di nuove conoscenze scientifiche sia di tipo epidemiologico sia di tipo clinico. L’età, dunque, da sola, non costituisce elemento sufficiente per definire uno stato di fragilità nelle fasce di età lavorative: non è, infatti, rilevabile alcun automatismo fra le caratteristiche anagrafiche e di salute del lavoratore e la eventuale condizione di fragilità; in tale contesto, la “maggiore fragilità” nelle fasce di età più elevate della popolazione va intesa congiuntamente alla presenza di comorbilità che possono integrare una condizione di maggior rischio.
Fatte queste premesse, si comunica la procedura che il lavoratore interessato deve seguire per il riconoscimento dello stato di “fragilità”:
1. Inoltrare richiesta al Dirigente scolastico per l’attivazione di adeguate misure di sorveglianza sanitaria, in ragione dell’esposizione al rischio da SARS-CoV-2, in presenza di patologie con scarso compenso clinico (a solo titolo esemplificativo, malattie cardiovascolari, respiratorie e metaboliche). Le richieste di visita dovranno essere corredate della documentazione medica relativa alla patologia diagnosticata (con modalità che garantiscano la protezione della riservatezza), a supporto della valutazione del medico competente. A tal fine si invita ad utilizzare l’apposito                                               MODELLO DI RICHIESTA

Ricevuta la richiesta da parte del lavoratore, il DS lo invia a visita medica:
1. attraverso la richiesta ai servizi territoriali
• INAIL, avvalendosi delle proprie strutture territoriali;

• le Aziende sanitarie locali;
• i dipartimenti di medicina legale e di medicina del lavoro delle Università. Il medico, all’esito della valutazione, esprimerà il giudizio di idoneità nel quale fornirà, in via prioritaria, indicazioni per l’adozione di soluzioni maggiormente cautelative per la salute del lavoratore o della lavoratrice per fronteggiare il rischio da SARS-CoV-2 (es. lavoro agile ove possibile, uso di mascherine FFP2, sessioni di lavoro in solitaria per i collaboratori scolastici ecc.).
Si fa presente che il giudizio di non idoneità temporanea sarà riservato solo ai casi che non consentano soluzioni alternative.
Sarà inoltre necessario ripetere periodicamente la visita anche alla luce dell’andamento epidemiologico e dell’evoluzione delle conoscenze scientifiche in termini di prevenzione, diagnosi e cura.
L’assenza dal servizio del lavoro fragile, in assenza di ulteriori indicazioni, si considera normale assenza per malattia.
Si invita infine il personale in questione a non presentarsi alla visita con febbre o altri sintomi respiratori, anche lievi.

F.TO IL DIRIGENTE SCOLASTICO
Dott.ssa Fanny Greco

CIRCOLARE MINISTERO DELLA SALUTE

NOTE AGGIUNTIVE